Blog: http://2PIU2UGUALE5.ilcannocchiale.it

Dell'Utri: non sapevamo i precedenti di Mangano. Berlusconi: lasciato Arcore diventò mafioso. Mettersi d'accordo prima?



Quando si raccontano le bugie bisogna anche ricordarselo. Dopo le motivazioni della condanna a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa in cui si è scritto di contatti diretti tra Berlusconi e capi mafia degli anni '70 , Dell'Utri (il condannato) ha detto queste cose su Mangano in una intervista (risate) al TG1 (video):

«Quando è stato assunto non si sapeva la sua vita precedente, non abbiamo chiesto informazioni».
 

Berlusconi per difendere l'amico Marcello nel 2008 disse queste parole:

«Mangano non era uno stalliere ma il fattore che ad Arcore stava con tutta la famiglia. Poi ha avuto delle disavventure nella vita che lo hanno messo un po' in mano ad una organizzazione criminale ma non ci risulta siano state pronunciate sentenze definitive nei suoi confronti ( come no n.d.r.


La stessa procura di Palermo che ha processato Dell'Utri sostiene invece, «basandosi su un rapporto dell’Arma dei Carabinieri, che Dell’Utri, già nel 1973, fosse informato della personalità “sospetta” del Mangano».
Questi carabinieri impiccioni. Magari fossero anche loro pentiti o mafiosi, così da poterli sbugiardare con facilità.
Risvegliati Italia!

Pubblicato il 20/11/2010 alle 17.21 nella rubrica La Mafia nello Stato...o viceversa?.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web